il pitecantropo

Ecco cosa succede a perdere il treno dell'evoluzione

Sogni e sintomi


che i sogni siano sintomi
che i sogni siano segni

CSI Sogni e sintomi


E ad un certo punto da qualche zona ipotalamica ammassi di memorie si interfacciano in circonvoluzioni senza uscita, si scambiano messaggi elettrochimici, penetrano nelle aree più profonde dell’io e infine risalgono nei territori della coscienza portandosi appresso desideri e paure come alghe in una rete scesa troppo in profondità. E ti condizionano il respiro, perchè ti chiedi da dove siano usciti fuori, e perchè ora, e se hanno davvero un significato o non siano un tentantivo precosciente di esprimere un dissesto dell’anima su cui troppo frettolosamente hai tirato su il tuo castello di carta. E ti costringono a fare i conti con un passato cristallizzato dove hai racchiuso le tue paure e i tuoi fallimenti, e sai benissimo che basterebbe un soffio d’alito a liberare tutto, nuovamente. E non serviranno più le corazze di latta, e sarà inutile schierare le armate in lunga fila, chè non c’è più nulla da difendere, nessun territorio fertile per cui versare il sangue, inutili i sacrifici per divinità distratte o assenti. E allora farai come Quixote, correrai col tuo destriero zoppo contro le braccia enormi di quei giganti, ma fallo bendato per dio, folle come Orlando, chè solo con gli occhi chiusi non vedrai che neanche i mulini ci sono più a pararti i colpi, e quando ti leverai la benda dagli occhi, quando la luce ti invaderà di nuovo l’iride, ti accorgerai che era solo un sogno. E non ti resterà allora che sederti all’ombra di un alto albero a cui invidierai le profonde radici, e con le mani tremanti strapperai due fili d’erba per intrecciare un anello, organicamente deperibile come la materia dei tuoi sogni. E lì, sotto l’ombra di un albero, ti addormenterai, come un animale nel tempo di morire, sperando di incontrare nel sogno imminente il dito giusto che combaci perfettamente col diametro del tuo anello di fili d’erba e con la deperibilità del tuo amore.

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Sogni e sintomi

  1. eri fidanzato con un’elfa?

  2. hai capito, flou.
    e della peggiore specie. elfa e masciara che fa le masciarie, conoscitrice dei segreti del sottobosco, alchemica preparatrice di pozioni mortali con cui intinge la punta delle sue frecce, divoratrice di sguardi e collezionista di cuori, che trafigge con rovi spinosi e appende fuori la porta del suo antro. solo i ciechi e gli amanti non scorgono quel crudele monito e cadono nella sua tela. dicono che l’unico modo per sconfiggerla è soffiarle sul viso con ali di farfalla mentre piange. le sue lacrime diventeranno diamanti e del più puro bisogna farle dono.

  3. anche se una volta uno gnomo gasterocratico mi disse che nelle notti di luna fritta basta cucinarle del couscous alla siciliana con pinoli, uva magica, succo di portucalli e pisce spata. pare che la cosa le apra bocca e cuore. pare eh.

  4. …cerco un posto che non si può trovare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

lemargheritine

Help us! We don't want to be bad

Il blog di GreenActions

Opportunità di innovazione per le imprese che scelgono la sostenibilità

Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Augmented Reality for Arts and Education

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Rem tene, verba sequentur. O anche no?

ci penso dopo. [Il club delle disfunzionali]

Rillipick

e il teorema della scimmia instancabile

pizza e cimena

personalissime considerazioni su film e serie tv

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: