il pitecantropo

Ecco cosa succede a perdere il treno dell'evoluzione

Breve risposta a filomilla su bene, male, caso e felicità


Filomilla ha detto:
tu sei il male.
E questo è un fatto.
e dovresti anche realizzare che il cuore di tua madre te lo sei mangiato tu. Come doveva essere.
Se hai ancora fame, prova prima tu a sfamare qualcuno e vedrai che andrà meglio.


@filo*: sarà. tanto una scelta bisogna pur farla nella vita. sempre se diamo per scontato che noi si possa scegliere. non ricordo se ne ho già parlato altrove o forse ho solo immaginato di averlo fatto, ma leggevo da qualche parte giorni fa che la nostra più grande conquista, quella del libero arbitrio, altro non è che una gran fregnaccia (sìsì, devo averne parlato ma dove chissà). E in realtà quelli che noi intrepretiamo come atti volontari derivanti da coscienza altro non sono che risposte agli imput dell’ambiente circostante, con buona pace delle cogitazioni cartesiane e della libertà concessaci da un dio di scegliere se operare il bene o il male.
Che poi non so neanche se crederci, visto che continuo a idolatrare il caso sovrano, il quale proprio oggi mi ha fatto uno dei suoi doni più grandi mettendomi allo stesso tavolo di un personaggio di quelli che un giorno lo racconti ai nipotini.

E nell’attesa di trovare uno stomaco disposto a nutrirsi di me, oggi mi son nutrito io delle parole e degli occhi e delle storie di un burbero fotografo quasi sessantenne.
E per la prima volta da chissà quanto notavo la perfetta coincidenza di spazio, tempo e giusta gradazione alcoolica nel sangue che ti predispone l’anima a farsi spugna e assorbire ogni piccolo particolare. E per qualche ora ho riscoperto lo stato estatico dell’ascolto.
Ascoltare chi ha guardato in faccia la Storia e ci è passato in mezzo fra la morte e l’orrore, fra il Bene e il Male, fra la paura di morire e il coraggio di vivere , fra la gioia e l’amore, fra la guerra e la pace, fra puttane e assassini e avere ancora la capacità di sognare e sognare ancora.
E la mia giornata non è stata più la stessa, e mentre scrivo immagino che nei giusti momenti in cui tutti i pianeti della galassia sono allineati alla tua anima, forse una di queste giornate ti può cambiare l’esistenza. O forse basterebbe solo un pò più di coraggio per seguire davvero ciò che ci piacerebbe avere dalla vita.

Oggi, per qualche ora, sono stato felice.

*: queste parole sono nate come risposta ad un precedente commento di filomilla. poi, con l’andar dei pensieri sulla tastiera ho preferito dargli dignità di post. non me ne vogliate.

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Breve risposta a filomilla su bene, male, caso e felicità

  1. non so se mi ti sei svegliato più funzionalista o più strutturalista, ma mi va bene.

    marsili libelli mi piace moltssimo, dacci più dettagli, che a noi donne ci piace sentire i dettagli.

  2. uff. è che quando te la trovi davanti, quella gente lì, hai il cuore che si allarga così tanto che ti pare di non poterlo più tenere sotto controllo. e poi ti si stringe perchè quella forza lì a te manca. e via così. la gente così il cuore ti fa sentire di averlo, ecco.

  3. non so, io davvero non so.
    per darvi un’idea è come quando uno sta camminando tranquillo per strada e gli capita di vedere seduto a un tavolino un marsili libelli e vincendo la naturale ritrosia a rompere i coglioni al prossimo gli si avvicina solo per stringergli la mano e dirgli che la mostra era bellissima, e nel brevissimo spazio che intercorre fra la stretta di mano e il banale complimento lui stia già chiedendo a me (LUI STA CHIEDENDO A ME) notizie sulla mia vita su chi sono e cosa faccio e io sto ritto impalato a parlare del mio nulla e da questo nulla lui riesce a tirarci fuori argomenti che lo interessano tanto che ti dà il suo biglietto da visita e nel mentre un’amica comune ci raggiunge il suo collaboratore mi chiede il cellulare che dice la prossima volta magari ci porti in qualche posto che ne vale la pena vedere e lui propone di andare a mangiare tutti insieme e tu decidi che starai in religioso silenzio per non perderti neanche una delle infinite storie che lui ti può raccontare, ma invece come sempre accade le cose non vanno mai come previste, chè anzi si parlava tutti insieme e io con l’amica ci si scambiava occhiate come a dire ma sta succedendo davvero e lui come se ci conoscesse da sempre ha il potere di annientare le tue stupide soggezioni da piccolo borghese abitante in un buco di culo di provincia e ti riporta da kabul a dakar a belfast a budapest e a chissà dove altro e di quello che ha visto e quello che non ha visto te lo fa vedere ugualmente perchè tu ormai non sei più lì in quel momento e poggiandoti una mano sul braccio e guardandoti negli occhi ti parla delle paure che ci frenano la vita e tu non puoi fare a meno di pensare che quella è la stessa mano che ha aperto l’otturatore facendo entrare la luce che gli stessi occhi avevano deciso dovesse fissarsi sulla pellicola e nella tua memoria ma senti che l’elettromagnetismo è qualcosa di più di una legge fisica quando ti parla di un suo progetto e gli dèi in quel momento ti regalano la chiave della lucidità mentale per dire la cosa giusta al momento giusto e tu ti senti dire che sarebbe bello collaborare con voi e sta frase ti va su e giù come una montagna russa e veramente raggiungi vette di felicità pura che se anche non succederà nulla ma va bene uguale, però intanto oggi passi dall’albergo e gli lasci un documento a proposito di quell’idea e solo quel gesto ti fa camminare a qualche spanna da terra.

    ma come si fa a raccontare una cosa così.

  4. così..
    e se lo scopo della scrittura è trasferire elettricità, io sono fritta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

lemargheritine

Help us! We don't want to be bad

Il blog di GreenActions

Opportunità di innovazione per le imprese che scelgono la sostenibilità

Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Augmented Reality for Arts and Education

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Rem tene, verba sequentur. O anche no?

ci penso dopo. [Il club delle disfunzionali]

Rillipick

e il teorema della scimmia instancabile

pizza e cimena

personalissime considerazioni su film e serie tv

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: