il pitecantropo

Ecco cosa succede a perdere il treno dell'evoluzione

Poseidonie


z7LXgbVdCq

Avevo lasciato quei due da soli a parlare, non so di cosa. Forse di calcio.
Lui troppo pigro per provarci, lei dalla postura ancora abbastanza sulle sue.
Faceva troppo caldo per stare sdraiati a leggere e poi mi avrebbero distratto con qualche domanda dalle prime pagine di Millennium.
Così sono arrivato in fondo alla baietta. Sulla sabbia orme di lucertole, scarabei e di qualche passero. E tanta plastica.
Le mareggiate invernali hanno accumulato contenitori di tutti i tipi gettati dalle navi e grossi mucchi di poseidonia che comincia già a marcire. Ho letto che da qualche parte ci fanno un ottimo concime con la poseidonia, così puliscono i litorali e i pomodori vengono su una bellezza.
Io ci ho fatto la barba.
Poi mi ha raggiunto E*. Mi ha detto gli mettiamo le lacrime di polistirolo? Ho detto sì mettiamocele, ma in realtà non volevo che piangesse. Poi lei ha preso un grosso tronco sbiancato dal sale e lo ha piantato ritto nella sabbia. Voleva portarlo a casa e dipingerlo di blu, ma mica ci entra in macchina le ho detto.
Quando siamo andati via il mare già si stava riprendendo la barba di alghe.

Navigazione ad articolo singolo

8 pensieri su “Poseidonie

  1. ma l’hai fatto e fotografato o l’hai visto e ci hai scritto sopra?

  2. conoscevo un tale una volta, che scolpiva cause perse nella sabbia. Immaginava favole e mondi non troppo distanti, e tanta era la minuzia del dettaglio, che la rena sembrava carne, il sale restava sale, e il mare esitava a riprendersi quello che gli apparteneva. La materia monocromatica poco assiste nella resa delle espressioni, ma un tentacolo è un tentacolo, una caviglia una caviglia, e se due arti di qualsivoglia natura si abbracciano c’è poco da confondersi.
    Poseidonia marcia e polistirolo a parte, questa maschera pare perplessa e svuotata del suo attore. Chi c’era dietro non c’è più. E quello che aveva dentro ora è sotto dieci metri di terra.

    Botticellianamente rinascerai in una conchiglia. Te lo prometto.

  3. @uss: fatto, fotografato e scritto. in altri tempi ci spargevo sopra pure i sogni disidratati che ogni giorno mi donava una gatta nera. secondo la ricetta, di notte l’umidità permeando di sè la sostanza onirica sarebbe riuscita a dare un alito di vita a quelle creature silicee. ma forse sbagliai dosi e tempi, chè venne fuori un golem cardiofago, la gatta nera si trasformò in strega e il raggio di sole che le aveva scaldato il cuore si traslitterò in sale, bruciando il mostro e accecando l’occhio sinistro del malcapitato alchimista.
    @filo: in una conchiglia? dunque ancora peerla…

  4. ma sei una sorpresa!

    al mare piacciono i tesori
    e i fichi
    (ma per capire dovrei raccontarti un fatto e ora non riesco)

  5. ono assolutamente contro la creazione di golem e servitori di ogni sorta.
    Ma quella maschera era bella assai. E poi è il fascino di creare qualcosa e arrenderlo subito all’impermanenza.

  6. utente anonimo in ha detto:

    Scimmia malefica, possiedo documentazione di simili creazioni risalenti ai pomeriggi di settembre 2008, tu lo sai veh? Il kouros della Baia dei Turchi, sorriso arcaico e ghigno simmetrico; e poi l’altorilievo varano di Komodo versione Kitesurf contest. Poi anche altro, chiururgicamente soppresso.
    La zingara con la bomba in tasca tictactictactictac

  7. @tess: bè prima che la pulce mi sfondi il timpano ti conviene confessare.
    @g&g: non per niente lo feci monocolo. nel caso dovesse alzarsi che almeno ci metta un pò a trovarmi.
    @z: c’avrei in mente un’amazzonomachia da niente con laocoonti strangolati come se piovesse. che faccio, vado?

  8. tu ne hai messa una a me (con la questione del remake) e finchè non la schiaccio, trovando la risposta, non ci penso proprio a togliere la tua :-)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

lemargheritine

Help us! We don't want to be bad

Il blog di GreenActions

Opportunità di innovazione per le imprese che scelgono la sostenibilità

Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Augmented Reality for Arts and Education

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Rem tene, verba sequentur. O anche no?

ci penso dopo. [Il club delle disfunzionali]

Rillipick

e il teorema della scimmia instancabile

pizza e cimena

personalissime considerazioni su film e serie tv

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: