il pitecantropo

Ecco cosa succede a perdere il treno dell'evoluzione

The penis on the table


Ma passiamo a cose serie. La lingua.

Io ti ricordo ancora, signorina dell'inglese dei magnifici anni settanta, che allora mi sembravi vecchia e quindi forse ora sei morta. Tu ci chiamavi alla lavagna a farci scrivere la data e il giorno. Io ero stato malato e avevo saltato la lezione in cui tu spiegasti i giorni della settimana, e quando tornai a scuola tu mi chiamasti alla lavagna a me proprio a me per farmi scrivere che giorno era. E quel giorno lì era un martedi o un giovedi ne son sicuro. Perchè era thursday o tuersday e io sin da un remoto giorno dei fantastici anni settanta non ho mai capito che cazzo di differenza c'è fra thursday o tuersday. Differenza fonetica soprattutto. Che è come se noi dicessimo martedì e martadì. E io ti ho pensata, signorina dell'inglese che forse sei morta, ti ho pensata tanto tanto quando l'altro giorno al telefono il mio potenziale futuro eventuale ma ormai credo poco probabile padrone mi ha detto: well, can you call me… (e fin qua -cazzo- c'ero. Avevo eustachio e la sua tuba conficcata dentro quel cazzo di altoparlante in una fusione uomo-macchina di scuola gigeriana. Stavo capendo tutto nonostante il discorso avvenisse con un uomo che ha una dentatura tirata a casaccio da un lanciatore di dadi ubriaco e quindi la differenza fra dentali e gutturali aspirate si misuri in sputazzate).
well, can you call me…tsdei?
Io volevo dirgli: –Tsdei cosa, signor potenziale padrone. tsdei quando. de dei after mondei or de dei bifor fraidei?
No dimmi, perchè io quel giorno lì ero malato e sai come vanno le cose in questo senso. A quell'età poi è come l'imprinting alle papere, che se appena nasce gli fai vedere uno sciapode quella poi crede di essere uno sciapode e hai voglia a convincerla che no, che lei è nata paperina che cosa ci vuoi far.
Allora me la gioco col 50 e 50. Lo chiamo giovedì. Poi, dovessi aver sbagliato, oh boss sorri bat ai was sic. laic det dei ov meni iars agò.

E siccome le pestilenze non vengono mai da sole, (ma qua la signorina degli anni settanta che forse è morta non c'entra), -MUSICHETTA- ecco l'amica dislessia su base paranoide che ogni qual buon vento mi riaffiora come rondini a primavera.
Ok. Ho sempre avuto enormi difficoltà a discernere in tempi ragionevoli i fonemi kitchen e chicken. Che cazzo ci posso fare, mi confondo.
Ma pensateci: sono molto simili. Chìccen e cìcchen.
Guardateli. Vero che sembrano uguali uguali? Solo un lieve scivolamento di nostra sorella mutina (all'asilo il disegno della h era una mutina, raffigurata come una fata con tanto di bacchetta magica ma con lo sguardo basso perchè appunto muta. La d era un dado. La e un'elica. La z zebra o zoccolo. La k l'hanno inventata insieme ai cellulari. Chissà che c'è negli asili per la k. Da ciò si inferiscono tante cose nella vita di una persona come appunto quella di andare a fare il cuoco a londra a 40 anni).

Dicevamo: basta un niente per far cambiare per sempre il senso ad una frase e probabilmente anche ad un'esistenza.
Ad esempio ora fate il caso che qualcuno si rivolga a voi con un coltello in mano dicendovi: e quanta gente c'è nel pollo?
Di quanto tempo avete bisogno prima di arrivare alla conclusione che la persona di fronte a voi in realtà non soffre di turbe psichiche con manifestazioni di  para-sodomia avicola?
Menomale che domani vado a provare in un ristorante italliano và, e male che vada ci mangiamo due macaroni al salami e pomodori napoletana.
Dezz'ammore.

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “The penis on the table

  1. utente anonimo in ha detto:

    La differenza sta nella "r", per esempio… in uno manca. Un dizionario, no?! Bestia sei e bestia rimani, pure alla Londra! E la "h"… Mpf… 

  2. Ieri ho ordinato una birra e mi hanno portato il conto. Non so di chi, perchè io non avevo bevuto nulla ancora. Dice che avevo detto bill invece di biir. Non so se ero più bestia io o polacca la cameriera.

  3. utente anonimo in ha detto:

    Potrei intrattenerti con dei simpatici aneddoti di chi al liceo studiava 3 lingue straniere più una morta e quella vivissima con cui già ci sono abbastanza problemi ancora oggi; e potrei dirti di quella volta che dopo aver imparato durante la lezione di tedesco che veleno si dice "Gift", una compagna di classe chiamata a raccontare la storia dell'Amleto decise di far versare nell'orecchio del re padre un bel regalo, con parecchio sgomento della signorina di inglese degli anni '90; oppure potrei dirti di quell'afasia che prendeva all'ultima ora in cui alcuni di noi iniziavano a esprimersi in un Esperanto ante litteram di italiano-inglese-latino-francese(o russo)-tedesco e ci si capiva pure. Ma non lo farò. Ti meriti un po' di tranquillità e pace linguistica.Break a leg!Valentina

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

lemargheritine

Help us! We don't want to be bad

Il blog di GreenActions

Opportunità di innovazione per le imprese che scelgono la sostenibilità

Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Augmented Reality for Arts and Education

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Rem tene, verba sequentur. O anche no?

ci penso dopo. [Il club delle disfunzionali]

Rillipick

e il teorema della scimmia instancabile

pizza e cimena

personalissime considerazioni su film e serie tv

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: