il pitecantropo

Ecco cosa succede a perdere il treno dell'evoluzione

Pre-visioni


Dice, il tempo è il migliore argomento per cominciare un discorso quando non si ha null'altro da dire.

E così, piove. Finalmente, direi. Ne avevo necessità. L'impellenza di tornare a coprirsi, a trattenere calore, a bilanciare l'eccesso di luce. Le strade che sino a ieri brulicavano in una parvenza di estate infinita sono tornate spettrali, il passaggio troppo repentino verso il buio spinge a forme di socialità più domestiche.

Attraversare la città in bici mi entusiasma. Ormai lo faccio quotidianamente, ora che il nuovo lavoro me lo consente. La libertà di infilarmi in un vicolo mai conosciuto, di deviare all'ultimo momento da un tragitto segnato, di godermi brevissimi tratti di discesa senza pedalare, sono cose che non avevo considerato fino ad ora. A circa metà del corso c'è sempre la barbona con i suoi fogli e le matite. Finalmente ha levato il gesso dalla gamba. Lo avrà portato per diversi mesi, tanto che credevo lo tenesse su apposta, come memento pubblico di un dolore da voler condividere, non importa se vero o falso. Prima mercanteggiava richieste accanto alla macchinetta delle sigarette. Scelta strategica per chiedere gli spiccioli. O una sigaretta nell'ipotesi peggiore. Che mica gli puoi dire no, non fumo.

Piove e fa freddo. Così mi diceva la cameriera del locale, fumando sull'uscio. Ma mica è freddo, questo, le ho detto. E poi le ho raccontato di quanto era freddo il freddo che ho sentito quella notte a Londra. A smontare il turno alle 2,30 e ritrovarmi a tre ore di bus da casa, e del grocery in cui comprai birra e biscotti al cioccolato e di quanto calore mi hanno dato. Ci penso spesso a Londra. Generalmente penso spesso alle mie vite precedenti, ma per celebrare una specie di anniversario delle scelte più fragili che abbia mai fatto, in questo periodo ripenso spesso a Londra. A quel che ero, a quel che sarei potuto essere e a quello che ho scelto di tornare ad essere. Nonostante tutto, meglio così.

Avevo paura a riavvicinarmi a questo posto, dico sul serio. Poi mi son messo a rileggerlo tutto, dall'inizio, scoprendo che c'è tanto di me. E nonostante questo possa essere un motivo in più per lasciar perdere, mi sa che mi riaccomodo sul mio vecchio ramo, chè alla fine non si stava poi così male e ogni tanto qualche bestia rara passa ancora di qua.

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Pre-visioni

  1. Non far scherzi da prete e torna a scrivere, va là anche tu…

  2. utente anonimo in ha detto:

    Alur? No more blogging?
    Matrilinearespenta

  3. utente anonimo in ha detto:

    Sei responsabile del tuo ramo, non lasciarlo solo ad affrontare gli agenti atmosferici per favore.

    Valentina

  4. danilo in ha detto:

    E comunque anch’io mi sono chiesto il perchè del Molise. No, l’ornitorinco mi sembra più comprensibile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

lemargheritine

Help us! We don't want to be bad

Il blog di GreenActions

Opportunità di innovazione per le imprese che scelgono la sostenibilità

Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Augmented Reality for Arts and Education

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

Rem tene, verba sequentur. O anche no?

ci penso dopo. [Il club delle disfunzionali]

Rillipick

e il teorema della scimmia instancabile

pizza e cimena

personalissime considerazioni su film e serie tv

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: